Art Fashion Inspiration

The Future of Design – A Talk with Giovanni di Vito of Vitruvio Design

6. July 2017

We as human beings will always be looking for beautiful and functional objects. It is the task of us, the designers, to make our products fascinating and functional. Giovanni di Vito

VENICE – Design has been and always will be part of our lives, because we are always on the quest for beautiful and at the same time functional objects. But how will this quest change in the future? And how are these products actually made? Giovanni di Vito of Vitruvio Design in Venice introduces us to his daily life as a designer, his passion about creativity, the future of design and why you should by original designs.

(The interview was carried out in Italian, please scroll down for the Italian version.)

Giovanni, can you tell us about your background and the reason why you founded Vitruvio Design?

In 1999, I graduated from the Politecnico di Milano in architectural restauration, and about a year later, I founded the Studio Vitruvio with my parents. Our areas of expertise are museum and product design. When I moved to Venice five years ago, it was the perfect place to start “Vitruvio Design”, the brand of the studio through which we make our own design objects. In 2015, we started our adventure as part of the exhibition “SELECTED: it’s just design” in Graz, Austria.

How did you discover your passion for design?

With my father being a designer and my mum an architect, my passion for design probably stems from a genetic reason. In fact, as a child, I spent most of my time playing with the games of Bruno Munari and Enzo Mari, and later, I closely watched my father while he worked on his projects. This context has naturally helped me develop a strong interest for everything related to the creative world.

Which products do you mostly work on? How did it happen that you also started designing jewellery?

I am about to finish a year-long project that relates to our new products of the catalogue of Vitruvio Design and among them there are also three pieces of jewellery: this is something really new for us. Everything started with a jewellery competition in which we participated with Alessandra Gardin. The collaboration resulted in the following three designs: The pendant W-Heart, made from hollow glass produced in Murano. On its inside, there is a red liquid which reminds us of the arterial apparatus of the heart. The second design is the collier Wire-G, a reinterpretation of antique jewellery which aims to mix ancient techniques and contemporary design.

Nefertiti Ring

The third piece of jewellery is the ring Nefertiti, a unique and fascinating project and which I particularly care about. It has been developed in the course of a collaboration with Alessandra Taravacci with whom we launched the brand Kanal N°5 in Brussels two years ago.

Where do you get inspired for your works?

Inspiration always comes suddenly, when you least expect it, perhaps even when I do something which is not related at all to the project I am working on. I am lucky to live in one of the most beautiful cities in the world, Venice, and wherever I go I try to get the most visual stimuli. Obviously, for a creative person it is vital to travel and discover new places and cultures, speak with the people to understand their needs and habits and to read and learn.

What are the big projects you are currently working on?

Vitruvio Design is made by a great team with diverse skills and this allows us to work on very articulated projects. With Bianca and Alessandro, who are taking care of our Marketing and Graphic Design, we started a project of shared storytelling, which is called “The Million”.

Our idea was: What if we let people literally tell each other about the people they meet and the places they go to? For this project, we have designed and produced a limited number of bookmarks (inspired by our bookmark Venezia) in a very modern, durable and versatile material to allow the integration of some simple high tech functions and turn them into meta-objects. Each single bookmark is equipped with an unequivocal identifying QR code, plus a self-explanatory note that starts the dialogue with the person who finds it.

Thanks to the QR code, the dialogue will continue on the web and the plot is woven around it. To initiate the interaction on the website page, a first-person narrative will be told by the bookmark itself which, in turn, will persuade the finder to tell another story and give his/her geographical location as well (more in on Those who come into contact with the bookmark, can feel free to use it for a certain period of time, after which they will pass it on to another person who is likely to appreciate, and share the same experience. So far, The Million has involved 15 travellers, has arrived on all continents, in 25 nations and 51 cities.

Pendant W-Heart

What are the biggest challenges for you at the moment?

To continue growing Vitruvio Design to show that self-produced design may be an economic model to pursue, especially for younger designers. In just two years of activity, we have succeeded in selling about 200 products, undertake important collaborations with food businesses, being present on prestigious platforms such as LuisaViaRoma and in the shops of the important Venetian cultural institutions such as the Scala Contarini del Bovolo.

What does your typical day at work look like?

Usually, my work days are very different, but at the same time, I organize them well to optimize my time and results. I try to avoid routine as much as possible, because it creates monotony, and I always look for creative processes that stimulate my imagination. And similar to getting around in Venice – via streets, bridges and vaporetti (editorial note: the Venetian water buses) – you are never in balance, but always moving because of the presence of the water.

Can you guide us through your work process?

Everything starts with a sheet of white paper and a pencil. Subsequently, the product is designed with CAD (computer-aided design) and engineered to pass to the prototype phase. With our artisans, we carefully evaluate the technical options and the choice of finishes so that we have a product made in Italy which respects our tradition. Once the prototype is finished, the next step is the production of a small or medium series and the definition and planning of the packaging. At the same time, we have photo shootings at the studio or outside, the post-production of the pictures and the integration of these pictures together with some texts to the Vitruvio Design e-commerce platform. Furthermore, the editorial material and the digital marketing are updated. Finally, we inform our business partners about the new products.

From hand-drawn sketches to finished objects

Design is often being criticized in a negative way as not being “art”, do you share that opinion?

Design is a form of art which is considered “functional”. This means a form of design that has an artistic component, but which, by its nature, performs a function. In contrast to a work of art made to beautify, cheer up and express a thought, the design object, which contains an aesthetic dimension, has to respond to a need: a spoon not only has to be beautiful but also functional when we eat.

Our idea of design is closely linked to the concept of “Made in Italy”, which comprises: the creative and the manufacturing capability. It is a marriage of designer and artisan, between design and crafting, which is the real power of Italian products. This modus operandi allows as to produce cheap or very expensive products which have the stylistic features and the realized quality in common, while the prize is determined by the materials and the complexity of the object.

How important is digital marketing for you? Has it become more important than offline marketing or word-of-mouth?

Digital marketing is the most powerful tool to reach potential customers today, we all spend a lot of time on our smartphones or in front of the PC and if we look for something, we do our online research even before we go to the store. The social media have an extraordinary catalysing power and it is possible to send messages with different types of appealing texts or pictures. However, shows, exhibitions and events are great occasions to directly speak to potential clients.

What are the changes you have recently seen with the design market becoming more global? Do you see that customer needs have become global as well or are there still regional differences?

The past couple of years, the market and the way of obtaining a product has changed substantially. Today, a small brand can do things which were unimaginable 20 years ago. The internet and social media let you get in touch with other parts of the world and, therefore, you can spread your design idea very fast. Our customers are based in the European Union, because we have made the choice to directly sell within the Eurozone. In fact, through our business partners we also sell globally and sometimes, customers from Asia or the US get in touch with us directly to buy our products. Therefore, all the customers today are global, because there is a global offer. However, I like to think that every one of them is unique. I think they do not only purchase the product because they have a need but because of a “desire”.

If I can get a similar product that solves my problem at a cheaper price or even a copy of your product, why should I still stick to your original?

A copy is a bad reproduction and an authentic reproduction is just an authentic fake. This means that buying the original of a product is a way to feel the very thought behind it and the people who worked for us – it is a way to create empathy with the object. I always say that you have to look beyond the price and that a low price or one which is even too low might reveal a “junk object” after some time. How many items do we buy and then throw away because of poor quality or because they cannot be repaired?

Where do you see the future of design? How will it impact our lives?

In any case, design is now everywhere and comes in different shapes and forms: food design, product design, car design, design for all, etc. Design for all, also called Universal Design, refers to broad-spectrum ideas meant to produce buildings, products and environments that are inherently accessible to older people, people without disabilities, and people with disabilities. The impact of design on our lives will be ever stronger. Design objects are small architecture objects that design our small spaces and make them a medium with great architectural structures, which then design the urban landscape. Many objects have changed substantially (machines, for example), others are almost gone because they are embedded in other more complex objects (such as smartphones). However, we as human beings will always be looking for beautiful and functional objects. It is the task of us, the designers, to make our products fascinating and functional.

Since his early years of professional activity, Giovanni has devoted himself to industrial design. During his eighteen years of work experience, he has been drawing designs for several objects and pieces of furniture. Most of them have been produced and are available on the market. Giovanni is extremely interested about creativity and this is the reason why he has been playing jazz music since he was twelve.

Vitruvio Design, San Marco 4600 – 30124 Venezia, T +39 041.5220674, M +39 335.6074476

Qual è il tuo background e perché hai fondato Vitruvio Design?

Nel 1999 mi sono laureato presso il Politecnico di Milano in restauro architettonico, e circa un anno dopo ho fondato, con i miei genitori, lo studio Vitruvio. I settori di nostra competenza sono la progettazione di allestimenti museali e il product design. Cinque anni fa, quando mi sono trasferito a Venezia, ho intravisto tutte le condizioni per poter metter in piedi “Vitruvio Design”, brand dello studio attraverso il quale autoproduciamo i nostri oggetti di design. Nel 2015 abbiamo iniziato la nostra avventura proprio a Graz in Austria, facendo parte alla “SELECTED: it’s just design” esposizione internazionale.

Come hai scoperto la tua passione per il design?

Avendo un padre designer e una madre architetto la mia passione per il design potrebbe essere una questione genetica. Infatti, da bambino trascorrevo buona parte del mio tempo divertendomi con i giochi di Bruno Munari ed Enzo Mari, poi osservavo con attenzione mio padre mentre progettava. Questo contesto mi ha naturalmente portato a sviluppare un forte interesse per tutto ciò che ha a che fare con il mondo della creatività.

A quali prodotti state lavorando? Come è successo che hai anche iniziato a progettare gioielli?

Sto terminando un lavoro lungo un anno che ha riguardato i nuovi prodotti del catalogo di Vitruvio Design, e tra questi ci sono anche tre gioielli: una vera e propria novità per noi. Il tutto è nato con la partecipazione ad una call di un concorso sul gioiello insieme ad Alessandra Gardin. Da questa collaborazione sono nati: Il ciondolo W-Heart, realizzato in vetro cavo lavorato e prodotto a Murano, al cui interno è inserito un liquido rosso vivo che ricorda l’apparato arterioso del cuore.

Wire-G Muran Lampwork Glass Necklace

La collana Wire-G, che nasce come reinterpretazione dei monili antichi, e dal desiderio di mescolare antiche tecniche di lavorazione e design contemporaneo. Il terzo gioiello è l’anello Nefertiti, un progetto unico e avvincente a cui tengo in modo particolare e che è frutto della collaborazione con la designer Alessandra Taravacci con la quale due anni fa a Bruxelles abbiamo dato vita al brand Kanal N°5.

Dove si ottiene ispirato per le tue opere?

L’ispirazione arriva sempre all’improvviso, quando meno te l’aspetti, magari mentre stai facendo qualcosa che non c’entra nulla con il progetto a cui stai lavorando. Ho la fortuna di vivere in una delle città più belle del mondo, Venezia, e quando cammino cerco sempre di guardare ovunque per ricevere il più grande numero di stimoli visivi. Ovviamente per un creativo è importantissimo viaggiare per scoprire nuovi luoghi e culture, parlare con persone per carpirne le esigenze e le abitudini, leggere e studiare.

Quali sono i progetti più importanti attualmente in corso?

Vitruvio Design è composta da una squadra affiatata, con competenze diversificate, e questo ci consente di lavorare su progetti anche molto articolati. Con Bianca e Alessandro, che si occupano di tutto ciò che riguarda il marketing e la grafica, stiamo lavorando a un progetto di shared storytelling che si chiama “il Milione”. Per questo progetto, abbiamo concepito e realizzato una serie limitata di segnalibri (ispirati al nostro Venezia) realizzati in un materiale modernissimo che ci consente di integrarvi alcune semplici funzioni tecnologiche rendendoli, di fatto, meta-oggetti. Ciascun segnalibro è dotato di un QR-code che dà l’avvio al dialogo con il trovatore. Il dialogo continua sul web grazie al QR code, iniziando ad intessere la vera trama del racconto. L’interazione avviene mediante la pagina di un sito web con un racconto in prima persona del segnalibro, il quale induce e chiede al trovatore di raccontare una sua storia a sua volta e di fornire contestualmente la sua posizione geografica (maggiori info su: A chi viene in contatto con il segnalibro, chiediamo di adoperarlo liberamente per un certo periodo e poi di donarlo ad una persona che ritenga possa avere, con esso, lo stesso piacere ad interagire che lui stesso, da primo, ha avuto. Ad oggi il Milione vede coinvolti 15 viaggiatori, è arrivato in tutti i continenti, ha toccato ben 25 Nazioni e 51 città.

Quali sono le sfide più grandi per te al momento?

Continuare a far crescere Vitruvio Design per dimostrare che la strada dell’autoproduzione può essere un modello economico da perseguire, soprattutto per i designer più giovani. In appena due anni di attività siamo riusciti a vendere circa 200 prodotti, intraprendere importanti collaborazioni con aziende del food, essere presenti su piattaforme prestigiose come quella di LuisaViaRoma, e nei bookshop di importanti istituzioni culturali veneziane come la Scala Contarini del Bovolo.

Come si articola una tua tipica giornata di lavoro?

Le mie giornate di lavoro sono quasi sempre diverse le une dalle altre, ma allo stesso tempo le organizzo bene per ottimizzare tempi e risultati. Evito il più possibile la routine perché genera monotonia, e io sono sempre alla ricerca di processi creativi che sollecitino la fantasia. E’ un po’ come girare per Venezia dove tra calli, ponti e vaporetti non stai mai in un equilibrio, ma sei sempre in movimento proprio grazie alla presenza dell’acqua.

Puoi guidarci attraverso il tuo processo di lavoro?

Tutto inizia davanti a un foglio di carta bianca e una matita dove nasce il progetto che, successivamente, viene disegnato a CAD (computer-aided design) e ingegnerizzato per poi passare alla fase di prototipazione. Con i nostri artigiani valutiamo attentamente le soluzioni tecniche e la scelta delle finiture così da avere un prodotto made in Italy nel pieno rispetto della tradizione. Definito il prototipo si procede alla produzione di piccole/medie serie e alla definizione/progettazione del packaging. Contemporaneamente si procede agli shooting fotografici in studio e in esterna, alla post-produzione delle stesse, poi implementate insieme ai testi nella piattaforma e-commerce di Vitruvio Design, all’aggiornamento di tutto il materiale editoriale e di digital marketing. Infine, vengono contattati i nostri partner commerciali per aggiornarli sui nuovi prodotti.

Il design viene spesso criticato, negativamente, per non essere considerato “arte”, condividi questa opinione?

Il design è una forma di arte cosiddetta “funzionale”, ovvero è una forma di progettazione che deve possedere una componente artistica, ma che per sua natura deve assolvere a una funzione. A differenza di un’opera d’arte che nasce per abbellire, rallegrare e esprimere un pensiero, l’oggetto di design, che pur contiene un forte quoziente estetico, deve rispondere a una necessità: un cucchiaio non deve solo essere bello, deve anche essere funzionale all’atto del mangiare.

La nostra idea di design, quella che stiamo perseguendo, è fortemente legata al concetto di “Made in Italy”, dietro il quale ci sono: la capacità creativa e quella manifatturiera. Un connubio tra designer e artigiani, tra progettazione e manualità, che è la vera forza dei prodotti italiani. Questo modus operandi ci porta a produrre oggetti economici o molto costosi che hanno in comune la cifra stilistica e la qualità realizzativa, mentre il prezzo è determinato dai materiali e dalla complessità dell’oggetto.

E’ diventato più importante del marketing offline o del passaparola?

Il digital marketing è oggi il mezzo più potente per raggiungere i potenziali clienti, tutti trascorriamo molto tempo sugli smartphone o al PC e se cerchiamo qualcosa, prima di andare in un negozio, digitiamo nei motori di ricerca la parola corrispondente a quello che cerchiamo. Poi i social hanno un potere catalizzante straordinario, e lì è possibile veicolare in maniera differente messaggi testuali o visivi di forte appeal. Ad ogni modo le occasioni di mostre, esposizioni, eventi sono preziosi momenti per poter parlare direttamente con i potenziali clienti.

Negli ultimi due anni, quali sono i cambiamenti che hai notato in un mercato del design sempre più globale? Le esigenze dei clienti si sono globalizzate o ci sono ancora differenze locali?

Negli ultimi anni il mercato, il modo di raggiungere i prodotti, è profondamente cambiato. Oggi un piccolo brand può fare cose che 20 anni fa erano inimmaginabili. La rete e i social ti mettono in comunicazione con l’altra parte del mondo, e questo ti consente di diffondere la tua idea di design molto velocemente. I clienti sono oggi clienti globali perché hanno un’offerta globale, ma mi piace pensare che ognuno di loro sia unico. Penso che chi acquista prodotti di design non abbia solo un’esigenza, ma un “desiderio”.

I nostri clienti provengono dalla Comunità Europea perché abbiamo fatto la scelta di vendere direttamente nella zona euro. In verità, attraverso nostri partner commerciali riusciamo a vendere in tutto il mondo e talvolta ci capita che clienti provenienti dall’Asia o dagli USA ci contattino per acquistare i nostri prodotti direttamente da noi.

Una copia è una brutta riproduzione e una riproduzione autentica è solo un autentico falso.

Se posso comprare una copia o un prodotto simile al tuo, ma che risolve il mio problema a un prezzo più conveniente, perché dovrei acquistare quello originale?

Una copia è una brutta riproduzione e una riproduzione autentica è solo un autentico falso. Questo per dire che acquistare l’originale di un prodotto è un modo per sentire proprio il pensiero che c’è dietro e le persone che ci hanno lavorato: è un modo per creare empatia con l’oggetto. Dico sempre che bisogna guardare oltre il prezzo e che dietro un prezzo basso o troppo basso potrebbe nascondersi un “oggetto spazzatura” con una scarsa durata nel tempo. Quanti oggetti compriamo e poi buttiamo perché di scarsa qualità o perché non possono essere riparati?

Dove vedi il futuro del design? Quale sarà l’impatto sulle nostre vite?

Il design è ormai ovunque e sotto diverse forme e declinazioni: food design, design for all, product design, car design, ecc. Il suo impatto sulla nostra vita sarà sempre più forte, gli oggetti di design sono delle piccole architetture che disegnano i nostri spazi più piccoli e che fanno da medium con le grandi strutture architettoniche, quelle che poi disegnano il paesaggio urbano. Molti oggetti si sono trasformati profondamente (come le macchine), altri sono quasi spariti perché inglobati in altri oggetti più complessi (come gli smartphone), ma l’uomo sarà sempre alla ricerca di oggetti belli e funzionali. Sta a noi designer rendere i nostri prodotti affascinanti e funzionali.

Sin dai primi anni di attività professionale mi sono dedicato con passione ai temi dell’industriale design. Nei quasi venti anni di lavoro ho disegnato un considerevole numero di mobili e di oggetti, confluiti in cataloghi di diverse aziende del settore e disponibili sul mercato. In generale, sono estremamente interessato alla creatività e lo dimostra il fatto che suono musica jazz da quando avevo l’età di 12 anni.

Vitruvio Design, San Marco 4600 – 30124 Venezia, T +39 041.5220674, M +39 335.6074476

Pictures courtesy of Vitruvio Design | Website

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply